L’attività di monitoraggio delle popolazioni culicidiche è da considerare parte integrante di ogni programma di lotta che intenda muoversi su basi scientifiche.

La finalità è quella di disporre di uno strumento conoscitivo per l’acquisizione di dati sulla presenza, distribuzione spaziale e stagionale e densità delle specie nocive in un dato territorio. La scelta della metodica più idonea non è cosa semplice e univoca ma si basa sulla conoscenza delle specie target e dipende anche dal livello organizzativo generale in cui si trova ad operare il programma di lotta.

 

L’utilizzo delle trappole  per il monitoraggio degli adulti di zanzara permette di:

  • individuare le specie culicidiche nocive presenti nel territorio;
  • valutare l'andamento temporale e spaziale delle popolazioni culicidiche nocive nel corso della stagione;
  • valutare l'eventuale presenza e densità di altri insetti ematofagi (ad es. flebotomi, culicoidi);
  • stimare se la presenza di zanzare autoctone in un dato territorio è sotto o sopra la soglia di molestia (vedi bollettini zanzare scaricabili dal portale internet http://www.caa.it/) in modo da guidare il ricorso agli interventi adulticidi.

 

Le principali trappole utilizzate per il monitoraggio degli adulti dal settore EMV sono le trappole CO2 e le gravid trap. A queste vanno aggiunte le trappole BG-sentinel utilizzate principalmente pe ril monitoraggio di adulti di specie invasive quali Aedes albopictus o Aedes koreikus.

 

CARATTERISTICHE DELLE TRAPPOLE UTILIZZATE

La Trappola CO2 sfrutta la capacità delle zanzare femmina di percepire come attrattivo l’anidride carbonica (CO2), per cui le attrae nei pressi della fonte di CO2 dove la ventola le aspira in un sacchetto di tulle. In questo modo è consentito il loro conteggio e la determinazione tassonomica.
La trappola utilizzata è costituita da diversi elementi:

  • Serbatoio nero coibentato per il ghiaccio secco (CO2 solida) con capacità in volume di 2.000 cc, che presenta 4 fori, ad un’altezza di circa 80 mm dal cilindro di aspirazione, per la fuoriuscita della CO2 gassosa;
  • Un cilindro di aspirazione in metacrilato fissato al serbatoio mediante due staffe di alluminio;
  • Motorino (12V, 0,14-0,15 A) con ventola di aspirazione (Ø 80 mm) a 7 palette;
  • Sacchetto in tulle con intelaiatura, a maglia < di 1 mm;
  • Batteria a secco ricaricabile da 12 V, 7,5 A e filo elettrico ignifugo.

La Gravid Trap è un modello studiato per la cattura di femmine di zanzare gravide (specialmente del genere Culex) che attratte dalla presenza di acqua e dalle sostanze volatili prodotte dal materiale vegetale in infusione, sono alla ricerca di un ristagno per l’ovideposizione.
La trappola utilizzata da settore EMV è una CDC GRAVID TRAP — MODEL 1712 della John W.Hock Company (Gainesville, Florida). La batteria da utilizzare è da 6 V.
Nella vaschetta vengono introdotti 5 litri di infusoa abse di erbe polifite e lioevito di birra.

La Bg-Sentinel è una modello particolarmente utilizzato per la cattura di femmine in cerca del “pasto di sangue” di specie invasive quali Ae. albopictus. L’effetto attrattivo verso le specie di zanzare è dovuto ad un innesco che emana una miscela volatile di sostanze che mimano quelle rilasciate dagli esseri umani.
Seppure la composizione non è rivelata dall’azienda produttrice, la scheda tecnica indica nell’acido lattico, nell’ammoniaca e in altri acidi carbossilici i principali componenti che impregnano il dispenser. La forma ed il colore bianco, inoltre, sono stati studiati per aumentare notevolmente le sue capacità di cattura.
Le zanzare attratte, in prossimità della trappola sono aspirate dal flusso di una ventola e intrappolate in un sacchetto di rete fine.


 

 

 

 

Eventi
Area utenti
inserisci i dati di accesso all'area utenti.

Username
Password
Contatti
logo C.A.A.
C.A.A. "Giorgio Nicoli" S.r.l.
Via Argini Nord 3351
40014 Crevalcore (BO)
Email: caa@caa.it
P.E.C: caa.srl@pec.it
Tel: 051 6802211
Fax: 051 981908