La lotta alle zanzare costituisce la principale attività di controllo ad insetti di interesse sanitario svolto dal settore Entomologia Medica e Veterinaria e si divide in due principali approcci a seconda del gruppo di zanzare a cui si fa riferimento: zanzare autoctone quali Culex pipiens ed Aedes caspius e zanzare urbane quali Aedes albopictus (Zanzara Tigre).

Zanzare autoctone

Le strategie di lotta a basso impatto ambientale messe appunto negli anni dai diversi enti che si occupano del controllo e contenimento delle zanzare hanno raggiunto degli ottimi livelli.

Il modello di lotta alle zanzare adottato da CAA, è riassumibile con la definizione di “controllo biologico integrato” rivolto prevalentemente contro lo stadio di larva con l’utilizzo prioritario di formulati larvicidi microbiologici. Le motivazioni di questa scelta sono molteplici:

  • colpire le zanzare quando sono confinate in ambiti circoscritti e facilmente individuabili, prima che si disperdano nell’intero territorio;
  • farlo quando sono facilmente raggiungibili e completamente alla mercè dei trattamenti;
  • farlo in modo selettivo e non adottando molecole chimiche ad ampio spettro d’azione;
  • farlo in modo preventivo, quando ancora non hanno cominciato a manifestare la loro molestia.

I prodotti utilizzati nella lotta alle larve di zanzare autoctone (Cx. pipiens, Ae.caspius, ecc.) sono a base di B.t.i. ( Bacillus thuringiensis israelensis), un batterio gram+ in grado di sintetizzare, durante la fase di sporogenesi, proteine tossiche (localizzate nei corpi parasporali di struttura cristallina) per le larve di zanzare.

La formulazione in prodotti liquidi e granulari con modalità di distribuzione simili ai larvicidi chimici, la forte azione insetticida e l'elevata selettività d'azione hanno reso B.t.i. uno dei larvicidi più utilizzati a livello mondiale.

Vi sono diversi fattori che però possono incidere sull'efficacia di B.t.i. e di cui bisogna tener conto nella modalità d'impiego:

  • Le basse temperature riducono l'efficacia di B.t.i.. La temperatura influenza l'attività trofica e quindi incide sulla quantità di tossina ingerita. Probabilmente incide anche sul pH intestinale e sull'attività enzimatica che sta alla base dell'attivazione della tossina (Dadd, 1976).
  • L'inquinamento, i sedimenti e le particelle sospese riducono l'efficacia di B.t.i. a causa dell'adsorbimento del prodotto da parte delle particelle che aumentano la velocità di sedimentazione dei cristalli, fuori dalla zona di alimentazione delle larve (Sinégre et al., 1981c). Inoltre i cristalli adsorbiti dai sedimenti sembra subiscano una sorta di blocco alla solubilizzazione anche nel caso di contatto con l'intestino della larva di zanzara.
  • Altri fattori che incidono negativamente sull'efficacia di B.t.i. in campo sono: l'elevata profondità dell'acqua del focolaio, la presenza di vegetazione nel ed ai bordi del focolaio e le forti densità larvali.

Pertanto per avere elevate mortalità occorre modulare i dosaggi di B.t.i. in relazione alla temperatura e alla qualità delle acque, alla tipologia del focolaio larvale ed all'attrezzatura impiegata.
Per poter superare l'ostacolo della vegetazione presente sulle sponde ed effettuare i trattamenti dal centro del canale verso la riva (dove si concentrano le larve) nel 1991 è stato realizzato e messo a punto in collaborazione con CAA un braccio telescopico idraulico con una lunghezza massima di 9 metri, all'apice del quale è stata montata una barra portante 4 ugelli regolabili sia nella rotazione che nel flusso.

L'incremento considerevole dell'efficienza dei mezzi ha determinato la contrazione dei tempi di lavoro con una riduzione dei costi del 60%.


* La velocità media è comprensiva dei tempi di spostamento e di rifornimento acqua che incidono in media del 50%.

I trattamenti insetticidi contro gli adulti, di conseguenza, vengono a perdere il ruolo prioritario e si riqualificano come interventi straordinari, localizzati e giustificati solo al verificarsi di situazioni di molestia intollerabile, attestate dal superamento di una “soglia” legata ai livelli di densità di zanzare.

Il controllo effettuato sulle ditte di disinfestazione addette ai trattamenti viene effettuato tramite verifiche in campo sui trattamenti, utilizzo dei GPS (Global Positioning Systems), divisione delle competenze tra gestione dei prodotti e gestione della disinfestazione.

Zanzara Tigre

La strategia di lotta messa a punto dal Centro Agricoltura e Ambiente in collaborazione con la Cattedra di Tecniche di Lotta Biologica dell'Università di Bologna permette, dove applicata correttamente, di contenere la zanzara entro livelli non nocivi per la cittadinanza.

Le attività previste nell’ambito di questa strategia di lotta sono:

  • Monitoraggio quantitativo della popolazione mediante ovitrappole specifiche. Il monitoraggio è un’attività fondamentale che deve essere considerata come parte integrante delle campagne di lotta. Il monitoraggio di Ae.albopictus può essere convenientemente realizzato mediante ovitrappole (Fay e Eliason 1966, Carrieri et al. 2009; Albieri et al. 2010; Carrieri et al. 2011).
    Le ovitrappole sono costituite da contenitori plastici di colore nero di circa 1000 ml di volume, contenenti circa 700 ml di acqua (priva di cloro) e una listella di masonite (larghezza di circa 2,5 cm) fissata sulla parete in modo da fungere da supporto idoneo per l’ovideposizione. Quindicinalmente (mettendo nell'acqua dell'ovitrappola una goccia di B.t.i. in modo da evitare l'eventuale sviluppo di larve) le listelle di masonite devono essere sostituite e quelle raccolte esaminate allo stereomicroscopio per osservare la presenza delle uova. Il corretto posizionamento delle ovitrappole è fondamentale per garantire la qualità del dato raccolto.
  • Disinfestazione delle caditoie stradali pubbliche e private. I focolai di Ae.albopictus più importanti in area urbana sono senza dubbio le caditoie stradali che in buona parte mantengono acqua sufficiente allo sviluppo larvale. Per ottenere un efficace contenimento delle densità di popolazione occorre interessare (direttamente oppure per mezzo dell’informazione della cittadinanza) anche le aree private. La lotta può essere svolta con formulati a base di pyriproxyfen o diflubenzuron (Colonna et al. 2004; Bellini et al. 2009).
  • Informazione alla cittadinanza finalizzata all’adozione di comportamenti corretti volti alla prevenzione e alla lotta in ambito domestico. La divulgazione e l’informazione sui comportamenti di prevenzione e di lotta adottabili in ambito domestico assumono una importanza prioritaria per il controllo di questa specie. La cittadinanza debitamente informata può anche collaborare alla sorveglianza tramite segnalazioni agli uffici preposti di situazioni critiche.
    Ae.albopictus possiede una grande adattabilità nello sfruttare vari tipi di raccolte d’acqua artificiali. Per riuscire ad avere un impatto sulla popolazione oltre alla disinfestazione delle caditoie stradali è necessario rimuovere le altre fonti di sviluppo larvale. Nelle aree infestate deve essere svolta una indagine accurata attraverso la quale è possibile individuare le fonti di sviluppo (attive o potenziali) da eliminare o disinfestare se non eliminabili. Durante questa attività è possibile inoltre fornire informazioni dirette ai cittadini sugli accorgimenti da adottare per evitare lo sviluppo della Zanzara Tigre.
  • Ricerca e rimozione dei microfocolai di sviluppo. Ae.albopictus possiede una grande adattabilità nello sfruttare vari tipi di raccolte d’acqua artificiali. Per riuscire ad avere un impatto sulla popolazione oltre alla disinfestazione delle caditoie stradali può essere necessario in alcuni casi organizzare campagne di rimozione delle fonti di sviluppo in ambito privato. Durante questa attività è possibile inoltre fornire informazioni dirette ai cittadini sugli accorgimenti da adottare per evitare lo sviluppo della Zanzara Tigre.
  • Ordinanza del Sindaco. A supporto alle attività di lotta è utile che i Comuni adottino una ordinanza specifica che definisca le regole di comportamento a cura della cittadinanza e delle categorie a maggior rilevanza.

 

Nel campo della lotta alla Zanzara Tigre il Centro Agricoltura Ambiente è fortemente impegnato nella ricerca di nuovi sistemi in grado di assicurare migliori livelli di contenimento. (tecnica SIT).

 

Eventi
Area utenti
inserisci i dati di accesso all'area utenti.

Username
Password
Contatti
logo C.A.A.
C.A.A. "Giorgio Nicoli" S.r.l.
Via Argini Nord 3351
40014 Crevalcore (BO)
Email: caa@caa.it
P.E.C: caa.srl@pec.it
Tel: 051 6802211
Fax: 051 981908