martedì 4 aprile 2017 | aalbieri | |

Il lavoro di identificazione di esemplari di flebotomi raccolti nel 2016 nelle 77 trappole CO2, predisposte per la sorveglianza a West Nile e Usutu Virus, ha consentito di creare la sottostante mappa con indicate le specie riscontrate in pianura.

Il 35% delle 77 trappole CO2 attivate nel 2016 durante l’estate è risultato positivo alle catture di flebotomi.

Quattro sono le specie identificate quest’anno:

  • Phlebotomus perfiliewi (206 esemplari)
  • Phlebotomus perniciosus (113 esemplari)
  • Sergentomyia minuta (2 esemplari)
  • Phlebotomus papatasi (1 esemplare)

Come per gli anni precedenti, si conferma la netta prevalenza di Ph. perniciosus nell’area ovest della pianura emiliano romagnola, mentre Ph. perfiliewi rimane maggiormente concentrato nell’area centrale della regione, principalmente nella provincia di Bologna. Ph. papatasi è stato identificato nella sola provincia di Parma e S. minuta in provincia di Modena.

La tabella in basso mostra il totale complessivo delle specie di flebotomi raccolte e identificate dal 2012 al 2016 in pianura e distinte per provincia.

L’identificazione delle specie di flebotomi risulta quanto mai importante per poter mantenere monitorata la dinamica storica delle popolazioni di flebotomi vettori di Toscana virus e Leishmania.

 




Eventi
Area utenti
inserisci i dati di accesso all'area utenti.

Username
Password
Contatti
logo C.A.A.
C.A.A. "Giorgio Nicoli" S.r.l.
Via Argini Nord 3351
40014 Crevalcore (BO)
Email: caa@caa.it
P.E.C: caa.srl@pec.it
Tel: 051 6802211
Fax: 051 981908