Clicca il nome del settore per visualizzarne i libri.
[VEDI TUTTI I SETTORI]

MARVELLI S., LAMBERTINI F., ZAMPIGHI C., 2015 (a cura di) - Aquae. Le bonifiche nell’Oltrepo mantovano dal Neolitico ad oggi, Finale Emilia (Mo).
settore: Palinologia e Paleoarcheobotanica | 2015 |

inserisci abstract


[PDF non disponibile]

GELICHI S., LIBRENTI M., MARCHESINI M. 2014 (a cura di), Un villaggio nella pianura. Ricerche archeologiche in un insediamento medievale del territorio di Sant'Agata Bolognese, Quaderni di Archeologia dell'Emilia Romagna 33, Firenze 2014.
settore: Palinologia e Paleoarcheobotanica | 2014 |

Il volume illustra il sito altomedievale più vasto e meglio indagato dell’Italia settentrionale, un unicum,  tanto più eccezionale quanto più completa e abbondante è la qualità, quantità, stato di conservazione e varietà tipologica dei materiali archeologici, archeobotanici e archeofaunistici rinvenuti. 
La pubblicazione tocca molti temi, dall'edilizia abitativa alla struttura dell'insediamento, dall'economia ai caratteri della vita quotidiana, e di fatto fornisce lo spaccato di una comunità e (indirettamente) dei suoi signori, delle loro strategie e dei loro modi di rapportarsi con le risorse, in quei secoli del Medioevo (X-XI secolo) che furono davvero centrali per le società dell'Occidente Europeo.
Le innovative metodologie di scavo applicate hanno permesso di capire l’importanza e la complessità cronologica dell’insediamento, mettendo in luce i suoi forti legami con il territorio circostante, come confermano le fonti scritte in cui si evidenziano gli assetti insediativi, politici, patrimoniali e sociali dell’area dove il villaggio era ubicato. Gli studi condotti sui materiali (ceramica, pietra ollare, oggetti in metallo, macine, fusaiole, vetri, ecc.) hanno evidenziato un elevato tenore di vita e una fitta rete commerciale sia a livello regionale che nazionale. Le analisi ambientali hanno fornito la fotografia di un territorio fortemente “vissuto”, con un’agricoltura sviluppata e abbondante utilizzo del legno come materia prima indispensabile per la vita del villaggio.
 


[Scarica PDF]

DESANTIS P., MARCHESINI M., MARVELLI S., 2014 (a cura di), Un tesoro di fede al Castello dei Ronchi - Il vetro dorato paleocristiano e la reliquia di Santa Deodata, Bologna.
settore: Palinologia e Paleoarcheobotanica | 2014 |

La pubblicazione ripercorre le vicende che hanno portato al fortuito ritrovamento della preziosa coppa paleocristiana (IV secolo d.C.), al suo restauro e alla sua definizione da un punto di vista cronologico e iconografico. Parallelamente, il volume ricostruisce il percorso storico di Santa Deodata a cui la storia non ha ancora decretato con certezza una precisa identificazione, mentre affida a discipline più strettamente scientifiche (analisi antropometriche, indagini al radiocarbonio, archeobotanica) la definizione dei reperti ossei, la loro datazione, l'analisi ed evoluzione dell'ambiente vegetale antico. Il volume è caratterizzato da un'ampia interdisciplinarietà con percorsi che si snodano indipendenti per poi comporsi in un coerente ed esaustivo quadro finale.

 

 


[Scarica PDF]

TROCCHI T., MARCHESINI M., MARVELLI S., LAMBERTINI F., 2014 (a cura di) - LA VILLA nel POZZO. Un insediamento rustico romano a Sant'Agata Bolognese, Finale Emilia (Mo)
settore: Palinologia e Paleoarcheobotanica | 2014 |

Guida alla mostra "LA VILLA nel POZZO" sui materiali recuperati nel 2013 durante gli scavi archeologici effettuati in via Don Dossetti, a Sant’Agata Bolognese. Le indagini hanno portato in luce un importante complesso produttivo di età romana databile tra la prima e la piena età imperiale e un pozzo per l'approvvigionamento idrico in ottimo stato di conservazione. Lo scavo della villa ha restituito numerosi materiali anche se fortemente danneggiati dalle arature dei campi mentre dallo scavo integrale del pozzo (fino a 10 m circa di profindità) provengono i materiali più pregevoli sia di carattere archeologico sia archeobotanico. Sembra infatti che il pozzo, dopo varie fasi di utilizzo per l'approvvigionamento idrico, fosse stato impiegato anche come luogo di intenzionale nascondiglio di oggetti "preziosi" in momenti di instabilità politica che sembrano protrarsi fino all’età tardoantica (VI-VII sec. d.C.).

 


[PDF non disponibile]

MARVELLI S., MARCHESINI M., ZAMPIGHI C. 2013 (a cura di), Aquae. La gestione dell'acqua oltre l'Unita' d'Italia nella pianura emiliana. Acque e bonifiche a Sant'Agata Bolognese dall'eta' del Bronzo a oggi, Finale Emilia.
settore: Palinologia e Paleoarcheobotanica | 2013 |

Catalogo della mostra itinerante AQUAE realizzato con il patrocinio dell’Istituto per i beni culturali della Regione Emilia-Romagna.

La guida ripropone i diversi punti nodali del percorso espositivo itinerante curato dal Consorzio della Bonifica Burana e dal Museo Archeologico Ambientale di San Giovanni in Persiceto (Bologna), arricchendoli di alcuni approfondimenti che un tema così complesso e suscettibile di molteplici chiavi di lettura, come quello del governo delle acque, richiede.
Il volume approfondisce la storia delle acque nel territorio santagatese dall'età del Bronzo ad oggi. Particolare attenzione è volta all'organizzazione del territorio dalle origini, attraverso i dati forniti dalle fonti archeologiche, fino all'evoluzione nel governo e gestione delle acque/bonifiche dei giorni nostri. La pubblicazione
 si conclude con il ruolo e i compiti del Consorzio di Bonifica Burana oggi.


[PDF non disponibile]

MARVELLI S., MARCHESINI M., PICCININI O. ZAMPIGHI C., 2012 (a cura di), Aquae. La gestione dell'acqua oltre l'Unita' d'Italia nella Pianura Emiliana. Cavamento Foscaglia 1487-2012. Acque e bonifiche a Nonantola dal Medioevo a oggi. Guida alla mostra, Museo Archeologico Ambientale, Bologna.
settore: Palinologia e Paleoarcheobotanica | 2012 |

Catalogo della mostra itinerante AQUAE realizzato con il patrocinio dell’Istituto per i beni culturali della Regione Emilia-Romagna.

La guida ripropone i diversi punti nodali del percorso espositivo itinerante curato dal Consorzio della Bonifica Burana e dal Museo Archeologico Ambientale di San Giovanni in Persiceto (Bologna), arricchendoli di alcuni approfondimenti che un tema così complesso e suscettibile di molteplici chiavi di lettura, come quello del governo delle acque, richiede.
Il volume approfondisce la storia delle acque
dall'età del Bronzo ai giorni nostri con particolare attenzione alla rete idrica del territorio di Nonantola oltre a focus sull'Abbazia di San Silvestro, il Comune di Nonantola ed i suoi Statuti, la Partecipanza Agraria, le grandi Bonifiche ed i Consorzi Nonantolani.


[PDF non disponibile]

CAROSI S., CURINA R., MARCHESINI M., MARVELLI S., 2012 (a cura di), Vivere in agro. Insediamenti di età romana tra Reno e Lavino. Guida al Museo, Museo Archeologico Ambientale, Finale Emilia (MO).
settore: Palinologia e Paleoarcheobotanica | 2012 |

Guida alla sezione espositiva del Museo archeologico Ambientale a Calderara di Reno.

Nel volume sono analizzati i contesti archeologici emersi nel territorio comunale di Calderara di Reno alle porte di Bologna e i numerosi materiali di uso domestico, anche di notevoli dimensioni, resti dell’antica pavimentazione, materiali utilizzati per la costruzione degli ambienti della villa rustica, rinvenuta durante le indagini archeologiche condotte presso le Cave Nord (Lippo di Calderara).

Ampio rilievo, in linea con la vocazione del Museo Archeologico Ambientale, viene riservato all’aspetto ambientale che, attraverso l’indagine del paesaggio vegetale antico, dell’agricoltura e dell’alimentazione, permette di comprendere il rapporto fra uomo e territorio nel corso dei secoli.
La pubblicazione rendere facilmente fruibili, attraverso testi esplicativi, ricostruzioni e immagini, i dati scientifici scaturiti dalle indagini storiche, archeologiche e archeoambientali, guidando il lettore alla riscoperta del proprio passato e del proprio territorio, delle sue trasformazioni e persistenze.

 


[PDF non disponibile]

SCHAFFNER F, R BELLINI, D. PETRIC, E SCHOLTE. LINEE GUIDA ECDC PER LA SORVEGLIANZA DELLE ZANZARE INVASIVE IN EUROPA
settore: Entomologia Medica e Veterinaria | 2012 |

L’European Centre for Disease Prevention and Control (ECDC) ha pubblicato le linee guida sulle modalità di conduzione della sorveglianza nei confronti delle zanzare invasive di importanza sanitaria in Europa, cui ha collaborato anche CAA. (disponibile on-line)

Il documento tecnico è stato preparato da quattro esperti incaricati da ECDC mediante concorso pubblico: Francis Schaffner (Avia-GIS, Belgium, coordinatore), Romeo Bellini (Centro Agricoltura Ambiente ‘G. Nicoli’, Italy), Dušan Petrić (University of Novi Sad, Serbia), Ernst-Jan Scholte (National Centre for Monitoring of Vectors, Netherlands).
Le evidenze degli ultimi anni indicano che vi è un crescente rischio di introduzione di specie di zanzare in grado di svilupparsi in ambienti artificiali, che sfruttano perciò i commerci internazionali per diffondersi sul pianeta. Le specie considerate nelle linee guida sono : Aedes  aegypti, Ae. atropalpus, Ae. japonicus, Ae. koreicus e Ae. triseriatus, oltre naturalmente ad  Ae. albopictus che in Italia conosciamo ormai molto bene.

[PDF non disponibile]

DESANTIS P., MARCHESINI M., MARVELLI S., 2011 (a cura di), Anzola al tempo delle Terramare. Guida alla mostra, Museo Archeologico Ambientale, Bologna.
settore: Palinologia e Paleoarcheobotanica | 2011 |

Nella primavera del 1992, l’avvio di importanti lavori edilizi al margine Ovest del moderno abitato di Anzola (BO) portò al rinvenimento di un sito archeologico dell’età del Bronzo fino ad allora sconosciuto: le condizioni del terreno e lo spessore della copertura sedimentaria non lo avevano infatti reso percepibile né all’osservazione diretta (ricognizione superficiale) né all’analisi aerofotogrammetrica.
 

Il volume ripercorre la storia della scoperta, ricostruendo la attività che si svolgevano nell'abitato attraverso i materiali rinvenuti riferibili a diverse produzioni artigianali, quali lavorazioni ceramiche e metallurgiche (bronzi), lavorazioni di pasta vitrea, osso, corno e conchiglie, nonché ad attività di filatura e tessitura. Gli scambi commerciali sono testimoniati dal rinvenimento di ceramica realizzata su modelli mutuati da quelli che caratterizzano la confinante cultura appenninica, diffusa dalla Romagna all’Italia peninsulare, vaghi d’ambra di provenienza baltica e reperti lapidei provenienti dall’Appennino.

Inoltre gli studi archeobotanici condotti negli scavi archeologici di Anzola dell’Emilia costituiscono un importante tassello nell’evoluzione del paesaggio vegetale e dell’ambiente nell’area compresa fra Reno e Samoggia nell’età del Bronzo. Le analisi hanno fornito importanti dati sull’economia dell’area, sulle attività di trasformazione dei prodotti agricoli e sulla dieta alimentare.
 


[PDF non disponibile]

BELLINI R, VERONESI R. 2009. 1991|2008 INTERVENTI DI LOTTA AI CULICIDI NELLE LOCALITA' TURISTICHE COSTIERE INSERITE NELL'AREA DEL DELTA DEL PO
settore: Entomologia Medica e Veterinaria | 2009 |

Le azioni di rilevanza territoriale, come la lotta alle zanzare è a tutti gli effetti, devono essere fondate su basi scientifiche ed elaborate in piani di gestione trasparenti e vagliati sotto gli aspetti di salvaguardia ambientale, salute pubblica, efficacia e rapporto costi/benefici nel lungo periodo. Con un termine di moda parliamo di “sostenibilità”. Fin dall’inizio dell’applicazione della L.R. 15/1991 “Interventi di lotta ai Culicidi nelle località turistiche costiere nell’area del delta del Po” questa consapevolezza è emersa con l’affidamento della responsabilità scientifica all’Università di Bologna nella persona del Prof. Giorgio Celli.

La pubblicazione  è disponibile GRATUITAMENTE anche in formato cartaceo fino ad esaurimento presso il Centro Agricoltura Ambiente S.r.l. (si prega contattare il Dott. Romeo Bellini - rbellini@caa.it)


[Scarica PDF]

Records per pagina
Pagina
1 2

Eventi
Area utenti
inserisci i dati di accesso all'area utenti.

Username
Password
Contatti
logo C.A.A.
C.A.A. "Giorgio Nicoli" S.r.l.
Via Argini Nord 3351
40014 Crevalcore (BO)
Email: caa@caa.it
P.E.C: caa.srl@pec.it
Tel: 051 6802211
Fax: 051 981908